La Terza Guerra mondiale sta per iniziare: tutto quello che bisogna sapere

MySocialDrug

Tempo di lettura: 3 minuti

Il ruolo dell’Italia nella Guerra

L’Italia avrà un ruolo importante in caso di Guerra. Il Programma NATO obbliga tutti i paesi aderenti (tra cui l’Italia e l’America) a difendersi a vicenda in caso di attacchi esterni. L’Italia, però, avrà un compito più importante rispetto ad altri paesi, essa infatti si trova esattamente tra l’Iran e l’America e le basi USA in Italia sono circa 200 da Sud a Nord.

Con molta probabilità l’Iran sarà più intenzionata ad attaccare gli Stati che posseggono basi USA prima di attaccare l’America.

In parole brevi: moltissimi caccia e missili da parte dell’America per l’Iran partiranno proprio dall’Italia, specificamente dalle basi Aeronautiche che sono più di 100. L’Iran contro-attaccherà non l’America ma le basi che hanno attaccato al posto di essa, ovvero, quelle italiane. Di conseguenza, l’Italia è uno dei paesi più a rischio attualmente.

L’Italia si sta già muovendo, ecco le basi italiane pronte all’attacco

Elenco su mappa delle basi USA è NATO in Italia

Il drone che ha ucciso Soleimani è partito dall’Italia

Inoltre, girano voci sul fatto che il Drone che ha ucciso Soleimani, elemento da cui tutto è partito, è stato lanciato da una base militare italiana per conto dell’America. Di Maio e Difesa hanno smentito ma fonti ufficiose insistono sul possibile accaduto.

Perché l’America sarà immune a qualunque attacco

Anche nel caso l’Iran decidesse di attaccare l’America non ci riuscirebbe.

Esatto, l’America è immune a qualunque tipo di attacco.

Di questo nessuno ne sta parlando ma l’America è in possesso di uno Scudo Spaziale (Strategic Defense Initiative) che permette a quest’ultima di difendersi da qualsiasi tipo di tecnologia, anche quella nucleare.

I missili non riuscirebbero a raggiungere il suolo americano e verrebbero deviati o disintegrati in aria.

Gli ultimi test dello scudo nel 2015 hanno confermato il corretto funzionamento di quest’ultimo. L’America è completamente immune a qualunque attacco, di conseguenza la palla passa al resto del Mondo.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Next Post

L’Iran ora vuole vendicarsi: “La morte di Trump non basta” dichiarazioni dal funerale di Soleimani

Tempo di lettura: 3 minuti “Anche se colpissimo tutte le basi Usa, o uccidessimo Trump o il suo ministro della Difesa, non sarebbe sufficiente a vendicare l’uccisione di Qassem Soleimani. Solo l’espulsione degli americani dalla regione lo sarà”. Lo ha detto il brigadiere generale Amir Ali Hajizadeh, comandante delle unità […]

Visita il nostro Centro Informativo.

Centro Informativo COVID-19
error: Il contenuto non può essere selezionato o copiato.