Si nascondeva al Fisco da 20 anni, incastrato dalla fattura elettronica.

MySocialDrug

Tempo di lettura: 2 minuti

Una frode da quattro milioni di euro è stata scoperta dalla Guardia di Finanza di Napoli, che si è servita, una novità per questo tipo di indagini, di tutte le opportunità di controllo fiscale ‘in diretta’ fornite dall’introduzione della fattura elettronica.

L’operazione ‘Maschera di ferro’ ha visto i militari impegnati in numerose perquisizioni in aziende campane del settore siderurgico, ed è il frutto di una sinergia tra gli investigatori del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria, della Guardia di Finanza di Napoli e della Direzione Centrale dell’Agenzia delle Entrate finalizzata al contrasto all’evasione fiscale attraverso la cosiddetta “frode carosello”. La maggiore rapidità di controllo dei dati ottenuta grazie alle fatture elettroniche – spiega uno degli investigatori – “ci ha permesso di riconoscere ed intercettare immediatamente gli attori del raggiro”. Gli investigatori sono anche riusciti stavolta a mettere meglio in risalto il ruolo dei clienti, non sempre inconsapevoli vittime.

I finanzieri hanno fermato un uomo, 60 anni, residente ad Aversa, che da 20 anni era irreperibile. Il nome dell’operazione (“Maschera di ferro”) si ispira proprio a questo personaggio, definito «inquietante» dagli investigatori, di cui, finora quasi niente si sapeva. I finanzieri, stamattina, si sono recati nell’ultima abitazione, ad Aversa (dove vive da oltre 20 anni), dove l’uomo era stato segnalato: i proprietari dell’appartamento (modesto, proprio per non dare nell’occhio) che percepivano l’affitto in nero, hanno riferito ai militari di non avere, da tempo, notizie del loro inquilino. Ma lui era lì, a poca distanza, mentre, sicuro di non essere riconoscibile, si godeva la scena. E invece i finanzieri, in possesso di una sua foto, hanno intuito che potesse essere nei paraggi e sono riusciti a individuarlo e a bloccarlo. Gli è stato sequestrato tutto quello che aveva in quel momento con se (chiavi dell’auto, documenti, cellulari, carte di credito e, quindi, anche conti correnti).

Da ulteriori accertamenti potrebbero emergere nuovi profili e, forse, anche altre responsabilità. Individuarlo non è stato facile: ci sono voluti mesi di appostamenti, attività tecniche (anche con gps) e di riscontri, per stringere il cerchio. Il 60enne non ha una residenza, non ha alcun bene intestato, non ha alcun cellulare intestato (i suoi numeri telefonici, che cambiava spessissimo, erano tutti intestati ad altri). Inoltre non aveva alcun rapporto con la moglie da cui si è separato.“

Lascia un commento

Next Post

Aversa. Tornano le giostre nel Parco Pozzi: residenti sul piede di guerra

Tempo di lettura: 2 minuti Due anni di tranquillità per i residenti di via Corcioni e di via Andreozzi: stiamo parlando delle giostre nel Parco Pozzi per la festa della Madonna di Casaluce. Se ricordete bene, un anno furono portate anche in Piazza Marconi il quale furono un vero disastro […]

Visita il nostro Centro Informativo.

Centro Informativo COVID-19
error: Il contenuto non può essere selezionato o copiato.