Facebook, risolto nella notte il problema per foto e video

MySocialDrug

Tempo di lettura: 2 minuti

Facebook ha risolto l’esteso malfunzionamento che dal pomeriggio di ieri ha interessato la pubblicazione e l’invio di foto e video sul social e sulle altre piattaforme dell’ecosistema di Mark Zuckerberg, e cioè Instagram, WhatsApp e Messenger. Il social network ha comunicato il ritorno alla normalità in un tweet pubblicato poco prima delle 2 di stanotte ora italiana. “Alcune persone e aziende hanno avuto problemi a caricare o inviare immagini, video e altri file sulle nostre app. Da allora il problema è stato risolto e dovremmo tornare a funzionare 100% per tutti. Ci scusiamo per gli eventuali disagi”, si legge nel tweet. Il problema era stato segnalato da molti utenti in varie parti del mondo, dall’Europa agli Stati Uniti e al Sud America, riportando in auge su Twitter gli hashtag #facebookdown, #instagramdown e #whatsappdown, e facendo tornare alla mente il blackout delle piattaforme avvenuto nel marzo scorso. Quanto alle cause, Facebook ieri aveva spiegato che il malfunzionamento si era innescato “durante una delle operazioni di routine per la manutenzione”. 

Ieri il nuovo blackout per Facebook e Instagram: moltissime le segnalazioni in tutto il mondo, dagli Stati Uniti all’Italia, con i siti e le app dei due social media che hanno smesso di mostrare agli utenti foto e video. Problemi si sarebbero verificati anche su WhatsApp.

Secondo il sito Down Detector, specializzato nel rilevare problemi nella rete o sui social media, utenti di tutto il mondo hanno lamentato l’impossibilita’ di vedere o caricare foto e video con la scomparsa di molti post. Un episodio simile si era verificato nel marzo scorso, quando Facebook, Instagram e WhatsApp si bloccarono per alcune ore. Il problema – spiegano gli esperti – potrebbe essere legato ai lavori in corso da parte degli sviluppatori di Menlo Park per l’integrazione delle tre applicazioni.

Lascia un commento

Next Post

Cresciuto in laboratorio un altro embrione umano, catturata la 'chimica' alla base del suo sviluppo

Tempo di lettura: 2 minuti Dopo il primo embrione umano su chip, un altro embrione umano è stato costruito in laboratorio per studiarne le fasi precoci delo sviluppo. Si tratta di una sorta di organoide che non solo ha le caratteristiche genetiche dell’embrione, ma forma e dimensioni, ed è riuscito a raggiungere l’età […]

Visita il nostro Centro Informativo.

Centro Informativo COVID-19
error: Il contenuto non può essere selezionato o copiato.